Agorà Ciminna è attivo al nuovo indirizzo www.agoraciminna.it

La seguente pagina rimarrà a vostra disposizione con le sole funzioni di archivio degli articoli pubblicati negli anni passati (Agosto 2012).
Selezionando i due menù alla vostra destra potrete attingere alle notizie classificate per data e per argomenti.

martedì 29 novembre 2011

Poesia: La sgraccata di Geniu Fucarinu


Quannu passa Geniu Fucarinu
lu sentu di lu scrusciu...
iddu quannu spunta da vanedda
sempri si pripara a sgraccatedda

ora lu viu e cchiù nun parru
mentri sentu sulu u so catarru
ora s'arricogghi la muccaràta
prima di lassari na sgraccàta

e iu ci fazzu lu ringraziu
pi sta bedda gemma di topaziu
chistu è lu virdi gioiellinu
firmatu don Geniu Fucarinu

Sdivacata nta la banchina
dda sgraccata fa paura
cci vulissi un ciumi n'china
pi livalla quant'è dura!

Geniu Fucarinu quannu passa
cocchi cosa sempri lassa
anticchia è virdi, anticchia è gialla
ma sempri megghiu nun talialla!

Cu gintilizza sempri nni dumanna:
Aviti di fari cocchi cumanna?
Vi serbi carni e capuliatu?
A la passata mi fermu a lu mircatu!

No Geniu nun ti scumudari
rispunni me matri a lu so dumannari
nzoccu m'abbisogna cci mannu a li me figghi
vatinni a lu mircatu, chi firnicii ti pigghi?

Quannu si vota pi gghiri a lu mircatu
già si scurdà d'aviri sgraccatu
e cu lu nasu ora sucannu
già si pripara pi fari arrè dannu

Si dda banchina putissi parrari
chi beddu cuntu avissi di fari !!
Ricordu virdi comu spiranza
ca di lu tempu nun temi la sponza !!

Geniu Geniu chi gloria purtasti
li to purmuna li sbacantasti
nun suppurtavi ddu pisu di ncoddu
e nni lassavi lu beddu ricordu !

Ora mureru li marciapedi
senza la luci di virdi sgraccati.
Si nta sta vita mittissi arrè pedi
fussiru tutti risuscitati!

di Ezio Spataro

2 commenti:

Eziu Spataru ha detto...

Per i ciminnesi che non conoscono Eugenio Focarino:

era un vecchietto marinese col vizio di sputare per terra con elevata frequenza temporale. Un vicino di casa affezzionato di cui conservo un caro ricordo nonostante questa sua abitudine.
Magari a Ciminna avete pure voi il vostro Eugenio Focarino.

angelo ha detto...

Splendida poesia la leggo e la rileggo da quando è stata pubblicata,un gesto insulso come sputare,e in questo i siciliani e i palermitani in particolare sono specialisti,ma lo fanno per volgarità;in questa poesia diventa gesto ,ricordo e maliconia per uno sputatore che non tornerà più,cosi' come non torneranno a rivivere i marciapedi...complimenti