Agorà Ciminna è attivo al nuovo indirizzo www.agoraciminna.it

La seguente pagina rimarrà a vostra disposizione con le sole funzioni di archivio degli articoli pubblicati negli anni passati (Agosto 2012).
Selezionando i due menù alla vostra destra potrete attingere alle notizie classificate per data e per argomenti.

venerdì 13 maggio 2011

Poesia: A Peppino Impastato

Era nuddu ed era nenti
lu dicìa Badalamenti
di Pippinu lu Mpastatu
ca poi vinni trucidatu

a la radiu li discursi
lu mittianu a la berlina,
lu mafiusu a li so ursi
cumannò a carneficina

l'aspittaru a lu passaggiu
dunni passa a ferrovia
era chiddu un novi maggiu
di spaventu e di fuddìa

A Pippinu lu mpastaru
cu farina di tritolu
e a so matri cci purtaru
lu duluri e lu scunsolu

l'attaccaru a lu binariu
cu li cordi da vriogna
comu Cristu a lu Calvariu
lu purtaru nta la gogna

la giustizia la so curpa
e pi chissu l'ammazzaru
cu tintaculi di purpa
Pippineddu l'aggranfaru

li cumpagni lu circaru
nta dda notti di spaventu
troppu tardu lu truvaru
nta dda chiana di turmentu

comu arancia fatta a spicchi
lu truvaru dda vicinu
ricugghennu pizzuddicchi
di lu corpu di Pippinu

iu la sentu cca vicinu
ca resisti e ancora un mori:
è la vuci di Pippinu
ca mi trasi nta lu cori

e mi dici di luttari
pi na terra libbirata
di la mafia e li so affari
ca la vonnu cunnannata

di Ezio Spataro -  aprile 2011

5 commenti:

Vito C. ha detto...

Splendido pezzo.
Propongo all'amico Tusa di invitare Spataro a presentare questi versi al prossimo premio di Marineo.

Francesco Tusa ha detto...

VITO C ha detto

Splendido pezzo.
Propongo all'amico Tusa di invitare Spataro a presentare questi versi al prossimo premio di Marineo.



Postato da Vito C. in Agorà Ciminna alle 12 maggio 2011 20:35

Francesco Tusa ha detto...

Devo complimentarmi nuovamente con l'autore della poesia. I versi sono emozionanti e la trovo anche perfetta nello stile.
E' davvero una bella occasione condividerla con voi Ciminnesi in questa settimana, per ricordare il sacrificio di un ragazzo assassinato dalla mafia il 9 maggio del 78, affinché non diventi tutto vano; per sentire, proprio come dice Spataro nei suoi versi, nel nostro cuore la voce di Peppino che ci dice di lottare per una terra liberata. PEPPINO VIVE.

Eziu Spataru ha detto...

Ringrazio di cuore Francesco Tusa, e tutti i ciminnesi che credono nella giustizia e nel riscatto della nostra terra per avere apprezzato le parole di questa poesia. W Peppino, W la speranza.

Archimede ha detto...

emozionante...struggente...veritiera...complimenti per i versi che spero possano aprire le menti di tutti quelli che ancora si credono servi di un certi sistema...Peppino è vivo nel cuore di tutti quelli che credono nei suoi stessi valori...E come lui tanti martiri della nostra amata terra...Adesso tocca ad ognuno di noi farli camminare sulle nostre gambe...