Agorà Ciminna è attivo al nuovo indirizzo www.agoraciminna.it

La seguente pagina rimarrà a vostra disposizione con le sole funzioni di archivio degli articoli pubblicati negli anni passati (Agosto 2012).
Selezionando i due menù alla vostra destra potrete attingere alle notizie classificate per data e per argomenti.

martedì 1 maggio 2012

Li traditura di Cristu

poesia in ricordo della strage di Portella delle Ginestra
I mandanti politici della strage di Portella.   
Gli esecutori materiali, i banditi della banda Giuliano, spararono sulla folla dei manifestanti senza fare distinzioni tra uomini donne e bambini. Lo scopo dei mandanti della strage era quello di spargere il terrore per scoraggiare definitivamente il movimento contadino che sosteneva il blocco politico delle sinistre. I contadini con le loro famiglie erano a Portella per festeggiare il primo maggio, festa dei lavoratori, ma anche per festeggiare la vittoria delle elezioni regionali siciliane, vinte a sorpresa dai social comunisti.
Il messaggio era chiaro e si configuarava in quel contesto che poi venne chiamato "Strategia della tensione" e che avrebbe ispirato altre stragi di stato come quella della stazione di Bologna. All'Assemblea Costituente il democristiano Mario Scelba, Ministro dell'Interno del governo De Gasperi, negò la natura e il movente politico della strage, definendo la manifestazione di Portella una semplice scampagnata di contadini. Alcuni esecutori materiali della strage furono condannati all'ergastolo, tra cui Gaspare Pisciotta che venne avvelenato in carcere per avere fatto i nomi dei mandanti politici della strage, tra cui onorevoli monarchici e onorevoli democristiani, che rimasero tutti impuniti.


Li traditura di Cristu

Si chiamava Giulianu Sarvaturi
fu amicu di la mafia e granni tradituri
tantu ca lu Statu l’armà di mitragghedda
contru li mischini iunciuti a la  Purtedda

Finuta ch'era ormai na guerra sanguinusa
n’Sicilia riturnava la dinastìa mafiusa
e tanti  cuntadini smuvianu n'atra guerra
pi diri a li patruna: vulemu a nostra terra !

Un spicchiu di terra di zappari
sulu chissu vulianu dumannari
e pi cuntrastari l'agrari tirchi e fausi
scigleru comu duci Girolamu Li Causi

“La terra a cu la travagghia !”
era la fidi di lu motu popolari
nunn'era un focu di pagghia
ca lestu pigghia e poi avi d'astutari...

... tantu ca lu vinti aprili quarantasetti
Li Causi e cumpagni graperu li cunfetti
vincennu a gran clamuri lu votu regionali
si scrissi la Sicilia nta l'annali.

Lu bloccu di lu populu vincìa
la mafia a sta nutizia nun cridìa :
siddu in Italia rignava la DC
ddu iornu nta Sicilia nunn’era daccussì !

De Gasperi a l’Amedica avia iuntu
a grapiri cu idda lu so cuntu
ma Truman lu pattu cci avia fattu
ca lu socialismu avia essiri disfattu

Quali megghiu manu macillara
di chidda di la banda brigantara ?
Giulianu l’eroi contru lu Statu
ora propria d’iddu veni armatu !

La dimucrazia contru a Cristu fici votu
di usari la so cruci pi fari un tirrimotu
e di la giustizia si rumpi la valanza
pi fari giuramentu  cu l’omini di panza.

Onorevuli  mafiusi spuntavanu a caterba:
deputatu Mattarella , ministru Mariu Scerba...
a la mafia e a Giulianu cci dettiru  n’gabella
di iri a sparari dda ncapu a la Purtedda

Eranu onorevuli e foru li mannanti
facennu la furtuna di granni lestofanti
lu Statu Italianu spargìa lu so  tirruri
rinnennusi di Cristu lu megghiu tradituri

La manu macillara scannava u puvireddu
nchiuvannu lu Signuri a corpa di mitragghia
e dda nta la Purtedda murì lu  Bammineddu
ntall'erba di Purtedda siccata comu pagghia.

di EZIO SPATARO


Video consigliato per la lettura della poesia

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Il talento di Ezio è davvero immenso. Attraverso questa poesia riesce a fare una chiara fotografia della situazione politico-sociale dell'Italia negli anni del dopoguerra. Rivivere, anche attraverso una poesia, quelle pagine di storia mette tanta rabbia dentro. Sarà anche la successiva storia a mettere tristezza, ma la latitanza dello stato italiano è inaccettabile. Latitanza senza ombra di dubbio, frutto di un accordo tra Stato e Mafia che affonda le radici in quel lontano 1 Maggio 1947.
Se da un lato, come italiano, provo vergogna per questi tristi episodi, la figura di Girolamo Li Causi e la voglia di riscattarsi dei siciliani mi rende orgoglioso di essere parte di questo popolo. Un popolo che ha subito tanti torti, tanti traumi, un popolo che però sa reagire come accadde per le elezioni regionali del 20 Aprile 1947, prima della strage di Portella.
Bisogna non rassegnarsi mai, essere sempre ottimisti perchè come scrisse Peppino Impastato "Fiore di campo nasce, dal grembo della terra nera".
Auguri a tutti i lavoratori Ciminnesi e d'Italia, con l'auspicio che il Lavoro sia un diritto e dovere di ogni cittadino di questa Repubblica.

Eziu Spataru ha detto...

Un grazie a Francesco, che nonostante la sua giovane età, è molto sensibile alla storia del nostro paese, e mostra un interesse spiccato per certe tematiche che molti giovani della sua età ignorano. E' una risorsa per Ciminna avere una persona così fresca e aperta di mente. Grazie ancora Francesco per il tuo interesse. Ezio

angelo ha detto...

Sempre grande Spataro,grazie per la tua poeticità;la tua poesia è sempre puntuale,chiara,e chirificatoria

angelo ha detto...

Sempre grande Spataro,grazie per la tua poeticità;la tua poesia è sempre puntuale,chiara,e chiarificatoria...correggo e mi firmo...Angelo Nigliazzo