Agorà Ciminna è attivo al nuovo indirizzo www.agoraciminna.it

La seguente pagina rimarrà a vostra disposizione con le sole funzioni di archivio degli articoli pubblicati negli anni passati (Agosto 2012).
Selezionando i due menù alla vostra destra potrete attingere alle notizie classificate per data e per argomenti.

mercoledì 13 giugno 2012

Ciminna-Marineo tra folklore e ingiustizia sociale

da percorsi poetici a Brannu

Partivu pa festa ru Signuri 

una poesia di Domenico Passantino recitata da Ezio Spataro

Domenico Passantino è un poeta ciminnese che ho avuto modo di conoscere virtualmente attraverso il blog Agorà Ciminna, dove noi pubblichiamo le nostre poesie.
Da quando ho perso "il treno della poesia" a Marineo, a Corleone e a Milano, aspetto l'ultima coincidenza a Ciminna, e se mi va male anche stavolta, non mi rimane che attaccarmi al tram.
Già ho avuto modo di infettare anche Ciminna coi miei prodotti poetico-intestinali, ma siccome ormai mi pigghiaru a cori allora si attuppano il naso. 


Mi finì comu "Petru Sasizza", un poeta di strada di Mezzoiuso che girava i paesi a diffondere il verbo della poesia, e che aveva la passione di gonfiare palloni durante le feste di paese.
Io non gonfio palloni, ma mi uncianu atri cosi e forse con la poesia spero di falli sdunciari.
Questa poesia di Domenico Passantino l'ho voluto recitare di persona, mi piace, identifica la mia rabbia e mi ricorda molto lo stile e la grinta di Ignazio Buttitta,  mi ricorda anche la nostra ottava del Corpus Domini a Marineo, una festa da me vissuta con gli occhi della lontananza, e con una domanda insistente che mi attanaglia: "ma chi si nni fa u Signuri di tutti sti ciuri spampinati, si poi manca la giustizia ?". Coi fiori spampinati mi riferisco al rito dell'Infiorata che si svolge a Marineo in occasione della festa del Corpus Domini, un rito di per se positivo, coreografico e bello, ma che provoca lo sdegno di Dio, quando nei paesi e nelle realtà locali prevale solo il folclorismo sulle ali dell'entusiasmo, e poi trionfano le ingiustizie, i clientelismi, le furberie tipiche del nostro popolo. La poesia di Passantino illustra perfettamente queste dinamiche. Le mie parole sono poca cosa.


Era propriu a festa d’u Crucifissu
quannu partivu luntanu di sti casi di issu
e di sti fumalora addummisciuti.
Virìa ddu mari granni granni
e mi sintia accussì nicu,
mancu avia i sordi p’un paru di mutanni
e già mi mancava a me casa e u per’e ficu
sutta u finistruni,
e comu un minchiuni,
sintennumi accussì luntanu,
stinnìa i manu
o cielu e ci ricìa:
“vogghiu turnari un gnornu dda ni mia,
‘nta me casa!”.

 Ora ca ci pensu’ però, fu vastasa
a me terra,
ca mi misi o munnu e mi lassà cu culu nterra.

Sintìa parrari dda lingua strània
e u pitittu m’attuppava,
virìa ddu suli chi gghiucava ammucciareddu
e agghiuttìa sputazza comu un aceddu
nta iargia.

Ogni tantu m’arrivava una notizia
e m’aumentava a raggia:
“u sa? o paisi stasira nesci u Patri di li grazi”,
e nto pettu mi strincìa un catinnazzu
pesanti comu u chiummu,
e pinsava a ddi torci chi giravanu ntunnu ntunnu
e io era cca, a dda banna o munnu,
e facìa comu un pazzu

Pinsava o me paisi, ai cristiani,
e i virìa a tutti beddi tisi,
anzi i virìa  comu i liami:
ci passavanu di ‘ncapu ricchi e burgisi,
ci passavanu i tinti e i mafiusi,
e m’addumannava si c’era differeza tra u mafiusu
e u carrabbineri,
m’addumannava picchì quannu finìa u furmentu susu
c’era cu si vinnìa puru a mugghieri.
Virìa i paisani dda sutta u Crucifissu,
i virìa cu sangu ‘nta l’occhi addumannari:
“Patri di ligrazi siti e grazi n’aviti a fari”
e io vulìa turnari vulìa turnari…

Mi sentu diri ca prima partìanu sulu chiddi comu a mmia, i gnoranti,
e oggi partinu puru chiddi sturiati,
nichi e granni,
e allura quali sunnu sti cosi  chi dicinu canciati?

Ora pensu pi mme figghiu,
ora ca dda ‘nSicilia u travagghiu
c’è pi tutti,
ora ca nuddu cchiù si vinni a mugghieri,
e un c’è cchiù ddu futti futti
di una vota,
ora ca un ci sunnu cchiù né mitateri
né patruna,
m’haiu a pigghiari una cannila e una cruna
e o Patri di grazi cci fazzu u viaggiu scavusu,
ci u fazzu stu viaggiu pi darici lavusu
ca me figghiu po’ turnari nta so terra chi cugghiuna
‘nte manu,
picchì finì u vasamanu
p’ammuccarisi un cozzu di pani,
oggi nuddu chiù mori di fami,
e fineru i traritura e i ‘nfami!

Staiu ricennu a verità?
Tu ca leggi, sulu tu u sa!
Tu cu u postu sutta a vara,
e tu c’addumanni i grazi ca cannila,
tu chi ti talìi u iocu di focu
e ti pari tuttu un gnocu.

Ma io sugnu pocu,
anzi nenti
e fazzu abbili pi ccu?cu mi senti?
“L’aceddu ‘nta iargia o canta pi ‘nmiria o canta pi raggia!”
E allura mi zittu
e tiru a campari,
mi scordu du tortu e mi scordu du rittu,
mi mettu sutta a vara e continuo a grirari:
“Patri di li grazi siti e grazi n’aviti a fari,
a nuatri peccatura n’aviti a perdunari…”

di Domenico Passantino



4 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono contento di aver creato virtualmente questo ponte culturale frutto della rubrica Angolo Poesie.
Ospitare in questo spazio quasi 100 poesie, e anche di un certo livello, non è cosa da poco.
Devo fare i complimenti ai versi di Domenico e all'interpretazione di Ezio che ho ascoltato più volte.
Penso che aver intitolato il tutto folklore e ingiustizia sociale è più che azzeccato. Dove finisce la tradizione religiosa dovrebbe cominciare la fede, purtroppo tutti sappiamo che non è così. Se così fosse, la società sarebbe senza dubbio migliore. Non servono leggi speciali, ma semplicemente applicare il Vangelo. Propongo agli amici dell'angolo poesie di organizzare un evento in cui poter condividere con la lettura quanto fino ad oggi ospitato su Agorà Ciminna, potremmo integrare il tutto con una proiezione di immagini e della musica scelta dagli autori. Un evento per passare una serata diversa dalle solite e divertire facendo semplicemente cultura.

Eziu Spataru ha detto...

Caro Francesco,
per me l'iniziativa è fattibile. Ad Agosto trascorrerò due settimane in Sicilia per le ferie tanto attese. Mi piacerebbe trascorrere una serata insieme a voi con tutti i poeti della rubrica e fare una specie di simposio in cui leggiamo le nostre poesie. Vai avanti con questa iniziativa, io ci sarò. E poi voglio conoscere di persona i poeti tutti e Domenico.

Domenico ha detto...

Caro ezio, grazie per avere recitato la mia poesia. é un onore per me. A presto

Domenico ha detto...

Caro ezio, grazie per avere recitato la mia poesia. é un onore per me. A presto