Agorà Ciminna è attivo al nuovo indirizzo www.agoraciminna.it

La seguente pagina rimarrà a vostra disposizione con le sole funzioni di archivio degli articoli pubblicati negli anni passati (Agosto 2012).
Selezionando i due menù alla vostra destra potrete attingere alle notizie classificate per data e per argomenti.

venerdì 8 giugno 2012

Questione di Democrazia

ASSOCIAZIONE SOCIO - CULTURALE
LiberaMente Ciminna

Dopo aver costituito la nostra associazione“LiberaMente Ciminna” abbiamo preso parte alla cittadinanza attiva .
Il primo mese di amministrazione Catalano è appena volato via; da cittadini attivi e obiettivi vogliamo mettere in evidenza il dinamismo del neo Sindaco.
Lo abbiamo visto tutti come dall’inizio del suo mandato si è subito messo all’opera, sorprendendo i suoi più stretti collaboratori e noi tutti.
Ciminna è stata accuratamente rivoltata come un calzino, un’ispezione fatta in lungo e in largo, che ha permesso di prendere visione e conoscenza delle necessità provenienti dal territorio, in modo da poterne stabilire le priorità e le urgenze.
In questa scala di merito, è stata data priorità al traffico.
Ci attendiamo però altre risposte e prese di posizioni su tanti altri fatti importantissimi per la nostra comunità.
Abbiamo constatato con piacere come molte situazioni critiche da noi video segnalate in precedenza, sono state tempestivamente sanate.
Non si è badato a spese e nemmeno a sacrificare mezzi personali messi in campo per raggiungere gli obiettivi di interesse pubblico previsti nei primi 100 giorni di governo.
Ecco come deve essere un Sindaco: attivo, dinamico ma soprattutto garante della democrazia.
Il sindaco ha inoltre ottenuto il suo primo record.
Non assegnando le deleghe agli assessori nominati ha superato tutti i Sindaci eletti il 6 e 7 maggio.
I cittadini ciminnesi in questi faticosi 30 giorni, hanno infatti sperimentato ed apprezzato come un Sindaco, può fare a meno della giunta e delle sue delibere.
Obiettivamente ci ha spiazzati tutti, nessuno si aspettava un’iniziativa così drastica, così decisa, così lodevole che ci permetterà di risparmiare circa cento mila euro all'anno dalle casse comunali.
Si, 100.000 euro: importo destinato agli emolumenti della giunta comunale che la mancata assegnazione delle deleghe farà risparmiare a questa Amministrazione. Somme che potrebbero essere reinvestite a Ciminna per una miriade di iniziative.
Bisogna riconoscere al Sindaco il coraggio che ha avuto in questa situazione.
Non è da tutti fare proprie le idee che in passato erano il cavallo di battaglia di altri, causando crisi politiche irreversibili.
Non è da tutti fare a meno del sostegno democratico di una giunta nominata dal Sindaco, formata da persone che godono della sua fiducia.
Tutti noi abbiamo spronato il Sindaco, con metodi tradizionali e non, affinché assegnasse quanto prima le deleghe, ma strada facendo ci siamo resi conto che l’iniziativa del Sindaco era superiore alle nostre aspettative ed allora ci siamo posti i seguenti quesiti:
Perché dare le deleghe quando non se ne sente la mancanza?
Perché dare le deleghe, se questo piccolo neo, è stato colmato dall'operatività del Sindaco?

Anche se molto conveniente tutto ciò diventa una questione di democrazia. Ricorrendo alla storia senza andare tanto lontano nel tempo, ci rendiamo conto del fatto che nei paesi dove c’è stato questo tipo di governo, il popolo ne è sempre uscito sconfitto.
Mirare ad un sistema oligarchico, anche se democraticamente legittimato, non ci fa ben sperare per il futuro di Ciminna.
Sostenendo ciò non vogliamo allarmare nessuno, anche perché un oligarchia “democratica” non può esistere.

Con convinzione e senza dubbio alcuno, ci appelliamo ancora una volta al buon senso dei nuovi amministratori.
Si faccia presto, non si indugi ancora nel dare le deleghe, per liberare finalmente le energie tenute immobilizzate da questa inadempienza che la DEMOCRAZIA per fortuna ci ha dato.
Ciminna lo aspetta, Ciminna se lo merita, Ciminna ha bisogno di un governo democratico.
Se l’intento è quello di ottenere un risparmio economico nelle casse comunali, suggeriamo al Sindaco un metodo molto più indicato e cioè, optare per una riduzione dell’indennità di carica.
Un segnale sociale fortissimo in questo periodo di crisi economica così profondo.

Noi di LiberaMente, siamo dalla parte della Democrazia e tu?


LiberaMente
Ciminna

2 commenti:

salvatore fina ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
salvatore fina ha detto...

Tutti abbiamo capito che il Sindaco ha difficolta ad assegnare le deleghe e a nominare il vicesindaco. Oltre a chiedere di fare presto,credo che il Sindaco, per un elementare dovere di trasparenza nei confronti dei suoi elettori e dei ciminnesi tutti, deve spiegare il perche` di questo ritardo.
Ps Chi vuole puo` votare il sondaggio dsul taglio delle indennita` degli amministratori, su: www.ciminnattiva.blogspot.it